Salta al contenuto

Leggi le etichette

La sicurezza sul posto di lavoro inizia dalla conoscenza e dalla comprensione delle etichette e delle istruzioni riguardanti l’uso sicuro delle sostanze chimiche pericolose. Per legge, i fornitori di sostanze chimiche sono tenuti a classificare le proprie sostanze e miscele. Impara a leggere le etichette ed evita i pericoli!

Le sostanze e le miscele pericolose devono essere classificate e le sostanze chimiche immesse sul mercato devono essere etichettate e imballate correttamente.

Le etichette possono contribuire a identificare quali sostanze chimiche sono pericolose e in che modo possono essere nocive. Esse inoltre forniscono informazioni sulle modalità di conservazione e di manipolazione sicura delle sostanze pericolose.

Le etichette sui prodotti contenenti sostanze chimiche pericolose indicano i pericoli fisici, ambientali e per la salute che presenta il prodotto. Esse forniscono altresì informazioni sulle precauzioni da osservare per manipolare i prodotti in modo sicuro. Le stesse etichette si applicano in tutto il mondo perciò, a prescindere da dove si lavora, è necessario imparare a leggerle ed evitare i pericoli.

Fare clic qui per consultare un’infografica illustrante le etichette

Verificare la classificazione delle sostanze chimiche

I fornitori di sostanze chimiche sono responsabili della classificazione delle sostanze e delle miscele da loro fornite. Si tratta della cosiddetta autoclassificazione.

A volte, la classificazione viene concordata da esperti indipendenti a livello europeo. Si tratta della cosiddetta classificazione armonizzata. Molte delle sostanze chimiche più pericolose che compromettono la salute dei lavoratori presentano una classificazione armonizzata.

Ciò significa che i fabbricanti europei sono obbligati per legge a classificarle e a etichettarle allo stesso modo. Pertanto, anche con un cambio di fornitore, l’armonizzazione garantisce che la classificazione e l’etichettatura della sostanza rimangano invariate. Ciò renderà più semplice conoscere quali misure precauzionali è necessario prendere durante l’uso della sostanza.

Esistono migliaia di sostanze con una classificazione armonizzata e l’elenco è in crescita. Un esempio è la formaldeide. La sua classificazione armonizzata crea un sistema per la gestione dei rischi in tutta l’UE. Questa è una buona notizia per i lavoratori e i professionisti di molti settori industriali, specialmente quello sanitario, edilizio, automobilistico e tessile, dove l’esposizione può essere elevata.


Route: .live2